acqueterre
dicembre: 2016
L M M G V S D
« Nov    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

FLICKR PHOTOS

Member of The Internet Defense League

Ravenna e le vie d’acqua nelle terre del Po

vie-dacqua

Ricostruzione storica della navigazione lungo il Po e le idrovie interne per il transito di uomini e merci.
Una rete di “mirabili vie fluviali” solcate, nel corso dei secoli, da imbarcazioni che approdano lungo i numerosi scali attrezzati al servizio dei villaggi e dei centri urbani.

 

 

Ravenna e le vie d’acqua nelle terre del Po

Conferenza

Relatrice Prof.ssa OSIRIDE GUERRINI

22 novembre 2016
ORE 15,30
presso Aula Magna della Casa Matha
Piazza Andrea Costa n. 3 – Ravenna

depliant [pdf – 1,02 MB ]

Ricordando Anita

Foto di Giuseppe Nicoloro

Un pomeriggio per Anita e Garibaldi

di Laura Montanari

copertina_completa

Un pomeriggio di piena soddisfazione… Abbiamo presentato alla Fattoria Guiccioli di Mandriole (Ra) la guida che noi, Osiride, Gianna, Laura del Comitato AcqueTerre, abbiamo scritto e illustrato, dal titolo “SULLE TRACCE DI GARIBALDI”, che propone un itinerario ciclopedonale attraverso i luoghi nel territorio a Nord di Ravenna in cui si svolse la prima fase della cosiddetta “Trafila”.

La guida, corredata di testi, mappe, carte antiche e fotografie, in gran parte scattate da Giuseppe Nicoloro, riconosciuta meritevole di stampa, è stata pubblicata dal Ceas dell’Assessorato Ambiente del Comune di Ravenna.

La partecipazione numerosa di un pubblico interessato e qualificato, che ha apprezzato la nostra presentazione e a cui è stata distribuita gratuitamente la guida, ci ha ampiamente gratificato per il nostro impegno di mesi, tra letture, ricerche in biblioteca e archivi, sopralluoghi.

E’ stato questo il nostro contributo alla buona riuscita dell’evento ”Ricordando Anita”, organizzato dalla Federazione delle Cooperative della Provincia di Ravenna e dalla  Fondazione Museo del Risorgimento, i cui rappresentanti, il Dott. Lorenzo Cottignoli e Giovanni Fanti, e il Vicesindaco Eugenio Fusignani hanno introdotto le ragioni per cui ancor oggi ha significato la commemorazione della morte di Anita, il 4 agosto 1849,  e della Trafila che portò a salvamento Garibaldi, in fuga dagli Austriaci.

E proprio per tener viva una pagina della storia non solo locale, ma anche nazionale, il Comitato AcqueTerre ha inteso ricucire il filo della memoria, collegando in un unico itinerario i luoghi che già conservano testimonianze del passaggio di Garibaldi, con altri quattro luoghi dove queste mancano, proponendo l’installazione di pietre artisticamente decorate (ad opera di Virna Valli, dell’Accademia di Belle Arti di Ravenna).

Le pietre sono state esposte momentaneamente e hanno fatto bella mostra di sé all’esterno, presso il monumento di Anita, in attesa di essere a breve installate nei luoghi deputati, a seguito dei permessi appena ricevuti dal Parco del Delta del Po dell’Emilia Romagna. Il percorso ciclopedonale si snoda infatti nell’ambito della “Stazione delle Pineta San Vitale e Pialassa della Baiona”, in cui si trovano ambienti naturalistici unici e protetti, che sono stati segnalati nella guida come “Sguardi sul paesaggio”.

Ci auguriamo che Ravennati e turisti, interessati ad approfondire o a scoprire le caratteristiche “tra storia e natura” del territorio, siano stimolati ad avviarsi sulle tracce di Garibaldi, in mtb, in bici o anche a piedi.

La commemorazione “Ricordando Anita” ha poi avuto ulteriori sviluppi, con l’ inaugurazione di una interessante mostra di soldatini in divisa risorgimentale (Risorgimento in miniatura), provenienti dal Museo del Modellismo Storico di Voghenza, con la deposizione della corona presso il monumento di Anita , alle ore 19.45, ora della morte, e infine con la parata di “ soldati garibaldini”,  che hanno accompagnato con squilli di tromba un momento di raccoglimento e, infine,  l’alza e ammaina bandiera.

 

Sulle tracce di Garibaldi

Presentazione_guida

 

Ricordando Anita

Anita Garibaldi